Come sapere se si è ipertesi

 

 

L'ipertensione arteriosa è una malattia spesso asintomatica. Di conseguenza, se non viene curata in maniera efficace, può comportare l'insorgenza di gravi problemi. È pertanto necessario essere seguiti con regolarità da un medico e misurare la pressione arteriosa regolarmente. 

 

Che cos'è la pressione arteriosa?

La pressione, o tensione, arteriosa è la pressione esercitata dal sangue pompato dal cuore sulle pareti delle arterie. La pressione arteriosa aumenta quando si è sotto sforzo e diminuisce a riposo.

Quali sono i valori oltre i quali si è in presenza di ipertensione?

In alcuni casi, la pressione arteriosa può rimanere troppo alta, anche quando si è a riposo. Si parla di ipertensione arteriosa quando la pressione è superiore a 140/90 a riposo. In caso di diabete o malattie renali, i limiti sono inferiori.

Chi può soffrire di ipertensione?

Spesso sono ipertese le persone sovrappeso, i fumatori e le persone che hanno un'anamnesi familiare di ipertensione.

L'età, l'eccesso di peso, l'assunzione di alcuni farmaci, ad esempio i contraccettivi orali, possono causare ipertensione.

Quali sono le conseguenze dell'ipertensione?

Livelli di pressione costantemente elevati danneggiano le pareti delle arterie, compromettono il buon funzionamento del cuore sovraffaticandolo e comportano danni renali e agli occhi. L'ipertensione è un importante fattore di rischio di malattie cardiovascolari.

Quando è opportuno controllare la pressione?

L'ipertensione non è praticamente quasi mai associata a sintomi particolari. Viene spesso individuata dal medico curante durante le visite di routine.

Talvolta può comportare cefalee mattutine, senso di stordimento e problemi alla vista.

Inoltre, può causare affaticamento o affanno durante gli sforzi. Occorre pertanto farsi seguire  da un medico e misurare la pressione regolarmente.

 Affinché l'ipertensione arteriosa rimanga priva di conseguenze deve essere curata al più presto e nel modo più efficace possibile. Sottoponetevi  a visite di controllo  e chiedete al medico di misurarvi la pressione arteriosa.